01Set
Facebook, i post con più like non sono i più letti

Facebook, i post con più like non sono i più letti

I post di Facebook che ricevono il maggior coinvolgimento sono generalmente visti da una piccola percentuale di persone, afferma John Hegeman, Head of News Feed di Facebook. Hegeman lo ha dichiarato in risposta a un tweet di Kevin Roose, editorialista del New York Times, che ha suscitato critiche su un presunto pregiudizio nell’algoritmo di Facebook. Le critiche ricevute derivano dal fatto che le fonti non sono le più varie. Questo porta alcuni a credere che Facebook stia deliberatamente spingendo contenuti da pagine che condividono un particolare punto di vista. Hegeman di Facebook è intervenuto per spiegare come funziona il feed delle notizie.

La diatriba tra Facebook e il New York Times

È facile giungere alla conclusione che i contenuti più apprezzati sono visti anche dal maggior numero di persone, ma non è così. Secondo Hegeman, gli elenchi dei contenuti più performanti non rappresentano ciò che la maggior parte delle persone vede su Facebook. “Mentre alcuni post di link ricevono molte interazioni, Mi piace o commenti, questo contenuto rappresenta una percentuale minima di ciò che la maggior parte delle persone vede su FB. Le notizie da queste pagine non rappresentano neanche le notizie più viste su FB”. Questi elenchi non rappresentano i contenuti più visualizzati su Facebook.

Ma non è preciso affermare che il contenuto con le migliori prestazioni sia anche il più popolare. Se non posso giudicare la popolarità sulla base delle interazioni, allora come facciamo noi capire quali sono i contenuti più popolari su Facebook? Secondo Hegeman, i collegamenti con la maggiore portata (impressioni) sono una rappresentazione più accurata di ciò che è popolare.

Come capire quali sono i post più popolari?

Purtroppo per gli esperti di marketing e gli editori, i dati sono disponibili solo per i dipendenti di Facebook per il momento. “Un modo più accurato per vedere ciò che è popolare è quello di esaminare i link con il maggior numero di impressioni (impressioni) negli Stati Uniti. Al momento questi dati sono disponibili solo internamente e stiamo esplorando i modi per incorporarli nei nostri strumenti disponibili al pubblico”.

Sebbene i dati siano disponibili solo internamente, a quanto pare possono essere condivisi pubblicamente. Hegeman ha condiviso un grafico che confronta i dati di CrowdTangle (che ha pubblicato un rapporto basato sulle interazioni) con un elenco di collegamenti che hanno veramente ricevuto il maggior numero di visualizzazioni (basato sui dati interni di Facebook). Le metriche di coinvolgimento non sono quindi un segno di ciò che l’algoritmo di Facebook sta distribuendo di più nei feed di notizie degli utenti.

I post con un numero elevato di Mi piace, commenti e condivisioni possono essere visti solo da una piccola percentuale di persone. Al momento, solo Facebook ha i dati su quali post hanno la massima copertura in termini di impressioni. I dati potrebbero diventare più accessibili in futuro, poiché Facebook è attivamente alla ricerca di modi per incorporarli in strumenti disponibili al pubblico.

Contattaci per avere maggiori informazioni