10Nov
Google Analytics 4: tutte le novità e le funzionalità presenti

Google Analytics 4: tutte le novità e le funzionalità presenti

SEO & SEM, Motori di ricerca

I cambiamenti nel comportamento dei consumatori e di conseguenza degli utenti hanno reso necessario un approccio differente rispetto a quanto previsto dai numerosi strumenti a disposizione delle aziende. Con un maggior numero di attività che si spostano online, ci sono sempre più pressioni per far fruttare gli investimenti. Per farlo bisogna avere le giuste informazioni per dare un cambio di rotta al proprio business. Sulla base di queste premesse, Google Analytics ha deciso di evolversi. Nasce così Google Analytics 4 che applica i modelli avanzati di machine learning di Google.

Google Analytics 4 aggiunge numerose funzionalità che aumentano in maniera esponenziale le opportunità a disposizione delle aziende. Tre le tematiche affrontate:

  • un data-model basato sugli eventi con l’obiettivo (dichiarato) di costruire un sistema di tracciamento più orientato al marketing;
  • l’uso massiccio del machine learning;
  • allineamento fra app e web.

Google Analytics 4 può avvisare di tendenze significative nei dati, come i prodotti che vedono una domanda in aumento a causa delle nuove esigenze dei clienti. Inoltre è in grado di comprendere e anticipare le azioni future che i clienti potrebbero intraprendere. Un esempio pratico è la possibilità di calcolare la probabilità di abbandono. In questo modo si può investire in modo più efficiente nel mantenere i clienti in un momento in cui i budget di marketing sono sotto pressione. Aggiunge anche nuove metriche predittive, come le potenziali entrate ottenibili da un particolare gruppo di clienti. In questo modo è possibile creare segmenti di pubblico per raggiungere clienti di valore superiore.

Integrazione con Google Ads

Aggiunta anche un’integrazione più profonda del pubblico con Google Ads con l’aggiornamento automatico dei segmenti di pubblico stabiliti. Il nuovo approccio può misurare insieme le interazioni tra app e web e può includere nei rapporti le conversioni dalle visualizzazioni coinvolte di YouTube che si verificano in-app e sul Web. In questo modo si può comprendere l’impatto combinato di tutte le iniziative tenendo conto dei canali a pagamento di Google e non Google, dei canali organici come Ricerca Google, di social ed email.

Report più strutturati e una sezione Real Time potenziata

Tra le novità più apprezzate, Google Analytics 4 ha integrato una reportistica strutturata sul ciclo di vita del cliente. Una delle differenze più evidenti tra Analytics 4 e Universal Analytics è il modo in cui sono organizzati i rapporti. “Abbiamo riorganizzato tutti i rapporti che erano stati inseriti nella versione beta di App + Web. Aggiunto delle funzionalità ed ora è organizzato tutto intorno al ciclo di vita del cliente”, ha dichiarato Russell Ketchum, Group Product Manager, Google Analytics, a Search Engine Land.

I report sono progettati per aiutare i professionisti del marketing ad approfondire aspetti particolari del percorso del cliente. “Ad esempio, puoi vedere quali canali stanno guidando nuovi clienti nel rapporto sull’acquisizione degli utenti. Puoi utilizzare i rapporti sul coinvolgimento e sulla fidelizzazione per capire le azioni che questi clienti intraprendono e se rimangono, dopo la conversione”, ha affermato la società.

Le funzionalità senza codice rendono più facile monitorare e misurare le azioni in tempo reale sul sito e in-app (come lo scorrimento di una pagina o la riproduzione di video). Analisi e misurazione avvengono senza dover aggiungere codice o impostare il monitoraggio degli eventi in Google Tag Manager. Sono state aggiunte aree come monetizzazione, conversioni, engagements, retention e audience segments che permettono di avere dati veloci sulle interazioni degli utenti. Inoltre garantiscono liste servibili per azioni di marketing mirato. Una sezione Real Time potenziata e rivista che nasconde potenzialità incredibili.

Contattaci per avere maggiori informazioni