28Apr
L’ultimatum a Google e la causa che potrebbe rivelare tutto

L’ultimatum a Google e la causa che potrebbe rivelare tutto

Google potrebbe rivelare i segreti del suo algoritmo a lungo custoditi e che lo hanno reso un colosso. Tutto nasce per una causa intentata alla multinazionale e che ha spinto un tribunale del Regno Unito ad emanare una sorta di ultimatum: ritirare le prove a sua difesa o divulgare i dettagli del suo algoritmo di ricerca. Google non solo dovrebbe consegnare i dettagli del suo algoritmo, ma dovrebbe consegnarli a un consulente SEO scelto dallo stesso tribunale. Le due scelte mettono spalle al muro la multinazionale che non vuole ritirare le prove, ritenute fondamentali per vincere la causa e soprattutto non vuole rivelare i suoi segreti.

La causa di Foundem a Google

Tutto nasce nel 2006 quando l’azienda Foundem ritiene di essere stata vittima di pratiche anti-concorrenza da parte di Google. Sei anni dopo ha scelto di intentare causa perché ritiene che la multinazionale ha deliberatamente classificato i propri prodotti prima di Foundem nei risultati di ricerca a partire dal 2006. Foundem chiede un risarcimento per la perdita di affari subita a seguito della classificazione nella ricerca di Google. Ma cos’è precisamente Foundem? È un motore di ricerca verticale per trovare i prezzi online più bassi. Inizialmente era disponibile solo per un gruppo limitato di utenti prima di essere aperto a tutti. Prima di essere disponibile per tutti, Foundem appariva ancora nei risultati di ricerca. Inizialmente era piuttosto in evidenza nei risultati di ricerca, due giorni dopo l’apertura totale è stato seppellito nei risultati di ricerca di Google. Foundem è passato dalla prima pagina dei risultati di ricerca a dozzine e, a volte, centinaia di pagine in meno.

La scelta degli ingegneri di Google

Ciò che rende sospetto questo è che le classifiche di ricerca di Foundem sono state eliminate solo su Google. Infatti è ancora classificato bene in altri motori di ricerca. Questo è ciò che ha portato Foundem all’idea che si è trattato di uno sforzo deliberato per reprimere la concorrenza contro Google Shopping. Nel tentativo di Google di dimostrare di non impegnarsi in pratiche anticoncorrenziali, ha fornito documenti riservati all’Alta Corte del Regno Unito. I documenti sono stati archiviati come reperti giudiziari dagli ingegneri di Google Cody Kwok e Michael Pohl. Il giudice che presiede il caso afferma che i documenti mirano a “spiegare il funzionamento e gli obiettivi degli algoritmi di posizionamento di Google e come sono stati applicati ai siti di confronto degli acquisti in generale e a Foundem in particolare”.

La possibilità di nominare un Seo e l’ultimatum del giudice

I dettagli dell’algoritmo di ricerca di Google sarebbero troppo tecnici per essere capiti dagli avvocati, sostiene Foundem, quindi vuole coinvolgere un esperto SEO. In particolare, Foundem vuole coinvolgere Philipp Kloeckner per interpretare i dettagli dell’algoritmo di Google. Google sostiene che fornire informazioni sui suoi algoritmi a un SEO comprometterebbe l’integrità del suo processo di classificazione: “L’integrità dei processi di classificazione di Google si basa sul fatto che tutti i webmaster o proprietari di siti Web abbiano lo stesso grado di accesso alle informazioni sulla classifica di Google. Questo non sarà più il caso se informazioni di questo tipo sono rese disponibili ad alcuni individui che offrono servizi commerciali per aiutare le aziende per migliorare il loro ranking nella ricerca”.

Il giudice è intervenuto e ha affermato che Google può ritirare i documenti o lasciarli vedere da Philipp Kloeckner. Se Google rimane fermo nel non ritirare i documenti o fornirli a Kloeckner, il giudice concederà a Kloeckner il permesso di visualizzare i documenti da solo.  Il giudice sta dando a Google “un tempo ragionevole” per prendere una decisione, che sicuramente non può essere facile da prendere. Si potrebbe quindi delineare un evento storico nella storia della ricerca.

Contattaci per avere maggiori informazioni