10Set
In che modo la SEO aiuta a migliorare il branding

In che modo la SEO aiuta a migliorare il branding

Brand Identity

La SEO e la costruzione del marchio (branding) sono due elementi cruciali per far crescere un’attività online e sono in qualche modo dipendenti l’uno dall’altro.

 

Un’enorme componente dell’ottimizzazione dei motori di ricerca coltiverà e richiederà la costruzione del marchio.
Inoltre un’azienda farà fatica ad aumentare la consapevolezza del marchio senza l’implementazione della SEO.

SEO specialist ed esperti di marketing rimangono spesso però bloccati all’idea di dover separare le attività: la linea di pensiero tradizionale è che SEO e branding sono due diversi settori della costruzione di un’impresa.
Sappiamo che questi due fattori possono sovrapporsi, ma pochissimi marketer danno al marchio SEO l’attenzione che merita.

Molti rimangono intrappolati in un’ossessione per le parole chiave e invece di concentrarsi su ciò che la SEO significa nel suo insieme, sono troppo impegnati ad analizzare la SERP.

La realtà è che l’interesse per il marchio influisce enormemente sulle prestazioni di ottimizzazione dei motori di ricerca ed è molto difficile aumentare la consapevolezza del marchio senza l’aiuto della SEO.

Proviamo a spiegare perché SEO e branding sono indissolubilmente connessi.

Branding e SEO, l’intreccio vincente

Partiamo dal concetto di Branding SEO.

Si riferisce ad un processo in cui il marchio della tua attività o azienda diventa un’importante fonte di traffico organico.

Pensa ai marchi che conosci e ami e a come si confrontano con concorrenti più piccoli e meno conosciuti all’interno della stessa nicchia: i marchi che hanno il riconoscimento degli utenti e la fiducia di Google prosperano nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca.

Il Branding SEO lavora per aiutare a costruire e promuovere il riconoscimento e la fiducia di un’azienda sia con i motori di ricerca che con gli utenti.

Proprio come la creazione di link, quest’attività si concentra sulla creazione di pertinenza, autorità e fiducia all’interno dei risultati dei motori di ricerca.

Riconoscimento del marchio e SEO

Recenti studi hanno rivelato che il 70% degli utenti cerca brand che conoscono quando effettuano una ricerca sul web.

Inoltre sono più inclini a selezionare i risultati dei motori di ricerca classificati più in basso nella pagina se riconoscono il marchio, piuttosto che scegliere un sito Web di cui non hanno mai sentito parlare e che sia al primo o al secondo posto.

Negli ultimi anni quindi il riconoscimento del marchio è diventato fondamentale per ottenere clic.

È un po’ come al supermercato quando si punta su un prodotto che riconosciamo e di cui ci fidiamo, questo perché siamo soggetti abitudinari.

Lo stesso criterio potrebbe essere applicato ai risultati dei motori di ricerca: qualunque sia il prodotto, gli utenti saranno inevitabilmente più attratti dai marchi che riconoscono rispetto a quelli di cui non hanno mai sentito parlare prima.

Il riconoscimento del marchio è un elemento cruciale per aumentare la fiducia, l’autorità, la percentuale di clic, la connessione con i clienti e, in definitiva, il tasso di conversione di un sito web.

Ricerche e conversioni brandizzate

Le ricerche con marchio sono tutte quelle effettuate che utilizzano il nome dello stesso brand, comprese le variazioni del titolo.

Un perfetto esempio di ricerca di questo genere è se qualcuno cercasse “Scarpe Nike”, questa è una ricerca di brand: l’utente sta cercando specificamente un prodotto di Nike, il marchio di atletica leggera.

Un numero maggiore di ricerche di marca può favorire la crescita del business in diversi modi.
Se le persone stanno cercando specificamente il tuo marchio o la tua azienda, ovviamente ti hanno visto o sentito parlare e vogliono saperne di più.

Una volta che i motori di ricerca iniziano a comprendere il riconoscimento del tuo brand con gli utenti, questo non farà che aumentare ulteriormente la tua credibilità e pertinenza nel tuo settore.

Stabilire questa connessione con i clienti è fondamentale per le prestazioni del brand e la
SEO branding
.
Una volta che le ricerche relative al marchio sono arrivate, arriveranno le conversioni. 

Se qualcuno sta effettuando una ricerca di marca, è molto più probabile che si converta, se stanno già cercando il tuo marchio in modo specifico, è probabile che siano molto più avanti nel processo di acquisto rispetto a qualcuno che trova i tuoi prodotti attraverso una ricerca generale.

Le ricerche più redditizie che un utente può effettuare sono le parole chiave di marca ad alto intento.
Una ricerca del marchio ad alto intento si verifica quando un utente cerca specificamente il tuo marchio e una delle tue caratteristiche, servizi o prodotti.

Invece di cercare “Nike” o “scarpe”, gli utenti che cercano “Scarpe da corsa Nike” significano che sanno quello che vogliono e sono più che pronti a condurre una transazione con il marchio specifico.

Google dà la priorità ai brand nelle SERP?

Nel corso degli anni, è stato a lungo ipotizzato se la consapevolezza del marchio sia considerata un fattore di ranking nella SEO.

Un fattore di ranking di Google è classificato in base a uno specifico input dell’algoritmo che il motore di ricerca utilizza per determinare come i siti Web vengono visualizzati nei risultati del motore di ricerca.

Google non ha mai confermato o smentito se un marchio stesso è un fattore di ranking, però molti segnali che sono strettamente correlati ai marchi sono probabilmente utilizzati da Google, direttamente o indirettamente.

Come si correla esattamente la consapevolezza del marchio con le classifiche di Google?

  • Backlink
  • Social
  • Comportamento dell’utente

 

Backlink

I link sono un fattore enorme che influisce innegabilmente sia sulla costruzione del brand che sull’autorità nelle SERP.
I backlink guadagnati saranno generalmente correlati al marchio di un’azienda e i link sono innegabilmente uno dei segnali di ranking più importanti, se non il più importante, per Google.

Social

Le condivisioni, i Mi piace e la presenza sui social media sono un altro fattore spesso ipotizzato che può o meno essere un fattore di ranking diretto per l’algoritmo di Google.
Ovviamente anche questi sono fortemente correlati alla consapevolezza del brand e all’interazione dell’utente con un marchio.

Comportamento dell’utente

Google mira a fornire continuamente un’esperienza di ricerca avanzata per ogni utente.
Può determinare quanto sia efficace e utile l’esperienza analizzando proprio i dati dell’utente.

Misurando continuamente e basandosi sul modo in cui gli utenti interagiscono con i risultati di ricerca, Google può identificare i modelli degli utenti e utilizzare questi dati per prendere decisioni su ranking e visibilità.

È qui che la consapevolezza del marchio può essere fortemente correlata con le classifiche di Google: se le persone interagiscono continuamente con una particolare parola chiave di marca, sito Web o risultato di ricerca, Google riprenderà questi schemi e apporterà alcuni cambiamenti di classifica.

Google potrebbe quindi rilevare che le persone cercano continuamente il prodotto di un particolare marchio e utilizzano queste informazioni per determinare le varie SERP.

Lo stesso si può dire per la percentuale di clic.

Analizzando il CTR viene determinato l’ordine in cui i siti web saranno presentati nei risultati di ricerca.
Se il tuo marchio riceve molti clic, ciò aumenterà le tue possibilità di superare i tuoi concorrenti.

Link Building = Brand Building

La costruzione del marchio si concentra quindi sull’aumento del riconoscimento.

Si può raggiungere questo obiettivo migliorando la fiducia, l’autorità e la pertinenza di un’azienda sia con gli utenti che con i motori di ricerca.

Tutto ciò si traduce nella necessità di avere un profilo backlink naturale e di spessore: i collegamenti più etici e sostenibili sono quelli da siti Web pertinenti che utilizzano il testo di ancoraggio del marchio per collegarsi al tuo, per approvare i tuoi contenuti, servizi, prodotti o funzionalità.

In parole povere, il link building oggi è fortemente correlato alla promozione di una forte presenza del marchio.

Misurazione e monitoraggio dell’attività branding

Comprendere a fondo le prestazioni del tuo marchio e quale percentuale del tuo traffico è rilevante per il marchio ti aiuterà a capire cosa funziona per il tuo marchio SEO e cosa no.

Ma come si possono comprendere determinate prestazioni? Attraverso alcune funzioni specifiche:

  • Traffico diretto alla home page
  • Ricerche brandizzate in Search Console
  • Google Trend
  • Strumenti di terze parti

 

Traffico diretto alla home page

Attraverso Google Analytics, un sito web può facilmente monitorare il traffico diretto alla propria home page.
Anche se questo non è specifico per la SEO, fornisce un’idea delle persone che stanno inserendo il tuo sito direttamente nella barra degli indirizzi e atterrando sulla tua home page, cioè sicuramente conoscono e sono interessate al tuo marchio.

 

Ricerche brandizzate in Search Console

La Search Console di Google fornisce tutti i dati relativi alla ricerca organica.
Search Console ti fornirà le impressioni, le ricerche e i clic del marchio totali e ti consentirà di tenere traccia di queste tendenze nel tempo.

Puoi eseguire il nome del tuo marchio, comprese eventuali varianti, tramite la console per trovare le query del tuo marchio che ti stanno già inviando traffico.

Google Trends

I brand possono utilizzare Google Trends per tenere traccia delle ricerche.
Inserendo il nome del marchio, si può anche vedere quando le ricerche hanno raggiunto il picco di interesse.

Strumenti di terze parti

Esistono anche molti strumenti di terze parti che monitoreranno e misureranno le prestazioni del marchio.
Vari strumenti forniranno dati sull’interesse per il marchio, le tendenze, le variazioni delle parole chiave, le ricerche e i clic ricevuti.

L’importanza del branding

Oggi è necessario prendere in considerazione una campagna completa per aumentare la portata del marchio, migliorare l’immagine e far crescere la consapevolezza.

Bisogna smettere di pensare alle prestazioni come un elemento separato del marketing online e iniziare a utilizzare l’interesse per il tuo marchio.
SEO e branding sono due fattori della costruzione di un business che si basano l’uno sull’altro per supportare e promuovere strategie di crescita.

Ciò significa incorporare le prestazioni del brand come considerazione per le normali strategie di ottimizzazione: oltre a ottimizzare le parole chiave, i tag del titolo, i tag H1 e i contenuti, pensa all’influenza del marchio in tutti gli aspetti della SEO.

Alcuni suggerimenti di base sul branding SEO includono la ricerca di quella menzione, l’approfondimento dei dati di ricerca del marchio e l’utilizzo dei dati raccolti per aumentare l’interesse e la popolarità nella ricerca.

Il branding SEO aiuterà a creare fiducia con il pubblico, comprendere la mentalità del consumatore target e creare un potente generatore di lead a lungo termine.

Contattaci per avere maggiori informazioni