30Mar
Il marketing che racconta: lo storytelling aziendale

Il marketing che racconta: lo storytelling aziendale

Brand Identity

A cosa serve lo storytelling per la tua attività e su quali canali è consigliato

Lo storytelling potrebbe sembrare un accessorio opzionale all’interno di una strategia di marketing.
Questa concezione (errata!) deriva dal fraintendere cosa fa (e a cosa serve) lo storytelling inserito in un marketing plan studiato ad hoc: raccontare la tua attività, il tuo Brand, la tua azienda, oggi non puoi considerarlo un optional.

Si parla infatti di storytelling marketing perché raccontare la TUA storia significa comunicare (strategicamente e su diversi canali) il tuo valore!

E il tuo valore cosa fa?
Ti rende riconoscibile, credibile e diverso dagli altri. Il valore… CONVERTE!

Puoi raccontare la tua professionalità in tanti modi, attraverso diversi mezzi di comunicazione, non certo per dire al tuo cliente che sei il migliore sul campo (questo lo capirà da solo!) ma per farlo avvicinare al tuo prodotto/servizio in modo consapevole e strategico.

Dato che raccontarsi SERVE (lo diciamo qui e lo diremo in tutto l’articolo!), lo storytelling non può stare in secondo piano rispetto agli altri ingredienti della tua strategia aziendale: dev’essere un tassello fondamentale di un piano marketing ben strutturato.
Il racconto del tuo valore, in sostanza, dice agli altri perché dovrebbero scegliere te.

Senza fare l’errore da principianti di autocelebrarsi come i migliori e ricordandosi sempre che…

“Chi si loda si imbroda!”

Vediamo come si crea uno storytelling efficace passo dopo passo, a cosa serve in termini di fidelizzazione dei clienti e su quali canali puoi sfruttarlo al meglio. 

Storytelling: la leva principale nella scelta di un brand

Speriamo che sia chiaro… Non stiamo parlando di storielle ma di STORIE.
Intendiamo dire che “raccontare la tua storia” serve a:

  • affermare un posizionamento (aziendale/commerciale)
  • condividere una scala valoriale (tra te e il lettore-cliente)
  • utilizzare parole e immagini per emozionare le persone (e/o farle immedesimare)
  • educare, informare e portare alla fidelizzazione il tuo target

Forse così è più chiaro! Fare storytelling aziendale significa rappresentare un’attività con canali diversi (visivi, testuali, sonori, iconici…) per dare un senso di prossimità ai propri clienti.
A tutti noi piace sentirci vicini ai brand dai quali acquistiamo, piccoli o grandi che siano.

Ne abbiamo infatti già parlato a proposito di Brand e lo ripetiamo qui, parlando di … STORIE!
Differenziarsi resta il modo migliore per emergere dal mare magnum della concorrenza.
Nelle strategie di marketing, lo storytelling consente di raccontare un’attività a partire dalle idee fondanti, dalla filosofia di partenza, fino ad arrivare alle scelte di prodotto ed alle curiosità quotidiane della vita aziendale.

Pensa alle pubblicità di IKEA: i prodotti proposti dall’azienda svedese sono raccontati molto bene, attraverso persone comuni, momenti di vita quotidiana, messaggi semplici ma efficaci che fanno leva su emozioni/valori che sentiamo vicini.

Quindi, se ben fatto, lo storytelling marketing accompagna il tuo pubblico nella fidelizzazione, fino alla conversione finale (acquisto del tuo prodotto/servizio) attraverso un sottile percorso di immedesimazione del cliente nella storia che stai raccontando: informazioni, curiosità e situazioni comuni sono la base del racconto.

Pensi siano dettagli superflui e banali? …TUTT’ALTRO!

Cos’è lo storytelling aziendale e a cosa serve

Storytelling si può tradurre con “raccontando una storia”: è quindi un processo in divenire.

In azienda, ma anche nel mondo lavorativo dei liberi professionisti, il “raccontare storie” deve avere tre obiettivi, ben definiti:

  • COINVOLGERE
  • FIDELIZZARE
  • DISTINGUERE

Ti sembra poco? Se pensi a come scegli un marchio rispetto ad un altro, magari suo diretto competitor, forse potrai cogliere meglio il significato di questi tre scopi fondamentali dello storytelling: ti identifichi con (o vuoi vederti come!) lo sportivo di Nike e la modella di Dolce&Gabbana ma ti senti anche molto partecipe della quotidianità di storie raccontate da settori farmaceutici o del food&beverage.

Pensa a marchi come Voltaren o Brufen, che ti rimettono al mondo, ti fanno passare tutto, raccontando situazioni quotidiane e molto comuni per le quali hanno LA soluzione (malesseri diffusi, piccoli strappi/infiammazioni, dolori posturali o legati all’attività sportiva…).

Un altro esempio? Mulino Bianco. Lo storytelling marketing di quest’azienda punta su una comunicazione che mette al centro il valore della famiglia, delle tradizioni, degli ingredienti genuini e naturali come l’affetto di casa. A prescindere dalle galline di Banderas (forse meno efficaci!) ancora oggi, automaticamente, identifichiamo il Brand associando Mulino Bianco all’ideale della famiglia italiana, con tutto il corollario di valori associati.

Lo storytelling permette quindi di entrare in contatto con il proprio pubblico di riferimento attraverso una narrazione che diventa persuasiva, un racconto che cattura l’attenzione e riesce a colpire, ad emozionare. Essere coinvolti da un racconto ci porta ad una maggiore propensione verso l’azienda, a volerla scoprire e, nel farlo, ad entrare nel raggio dei suoi consumatori.

È un percorso complesso? Sì e no, richiede indubbiamente tempo e impegno (come tutte le strategie ben fatte!). Un racconto aziendale non si ferma “al primo episodio”: va costruito e strutturato, va inserito nel marketing aziendale come collante di tante attività correlate.

Per riassumere quanto detto fin qui, lo storytelling:

  1. INFORMA e incuriosisce il target di riferimento
  2. COINVOLGE perché fa leva sull’empatia del pubblico
  3. STIMOLA bisogni e sensazioni più o meno coscienti nelle persone
  4. FIDELIZZA attraverso un il racconto di valori condivisi

Proseguiamo con una carrellata dei diversi canali sui quali lo storytelling è declinabile, per darti un’idea della sua potenzialità nel concreto (non si racconta solo in televisione)!

Storytelling e pubblicità: strategia multicanale

Se ti stai chiedendo quanto budget destinare allo storytelling sarai sollevato/a dal sapere che questa strategia di comunicazione è alla portata di tutti, anche delle piccole e medie imprese.

Le storie e le idee per raccontare cosa fai sono indipendenti dalla tua dimensione aziendale!

Quello che conta è ricordarsi che uno storytelling per essere efficace dev’essere coerente e multicanale: a seconda del mezzo comunicativo scelto, il racconto deve poi necessariamente essere calibrato…

Abbiamo individuato tre macro-aree che puoi prendere in considerazione per riflettere sulla tua storia e raccontarla al meglio, calibrando il budget ma lavorando di sinergie vincenti su:

  • SITO WEB (la vetrina)
  • SOCIAL MEDIA (il dialogo)
  • RECENSIONI (la reputazione)

Storytelling Marketing nel tuo sito

C’è uno spazio giusto per ogni cosa? Forse. Ma all’interno di un sito web non devi pensare che senza una sezione “chi siamo” o “la nostra filosofia” non si possa raccontare di te.
Ogni descrizione ed ogni immagine, pensate e scelte per il tuo sito, devono dire chiaramente al tuo utente quale valore stai veicolando.

Ti consigliamo di non dimenticare:

  • Cenni storici (se la tua attività è longeva, dillo!)
  • Team e squadra (sii orgoglioso dei collaboratori/partner)
  • Foto e grafiche (sì, anche queste raccontano tanto!)

Certo, la sintesi è fondamentale! A nessuno dei tuoi clienti interessa sapere quanto sei bravo o quanto è magnifico il tuo prodotto/servizio: dovrai cercare di veicolare valori e qualità attraverso una storia emozionante per gli altri ed al contempo funzionale ai tuoi scopi commerciali.

Il blog ti permette di dedicare un’area ben definita del tuo sito internet al racconto di novità, aneddoti, caratteristiche e temi diversi relativi alla tua professione. Organizzato tramite un piano editoriale, è un buon aiuto per raccontare (anche a Google) cosa fai! … Ne hai già uno?

“Il marketing non è più una questione di ciò che sai produrre,
ma di quali storie sai raccontare.”
Seth Godin

Costruire un sito web che preveda il giusto bilanciamento tra marketing storytelling ed efficacia commerciale ti servirà per essere apprezzato sia dai tuoi clienti sia dai motori di ricerca… A tutti insomma piacciono “le storie” ben raccontate!

Storytelling e Social Media

Lo abbiamo già detto parlando di brand famosi che si pubblicizzano in TV…
Oggi raccontiamo moltissimo attraverso il canale video: ma per fortuna non esiste solo la televisione, un ottimo modo per fare marketing storytelling coinvolgente è creare video che raccontino della tua attività.

Da consumatori, curiosi e spesso pigri, siamo statisticamente più propensi ai racconti-video: dati alla mano, ricordiamo il 70% di ciò che possiamo vedere/sentire e preferiamo di gran lunga ascoltare/vedere piuttosto che leggere. Il trend è in crescita costante…

Spazio quindi alle video-storie!

Offrire al tuo pubblico-target i contenuti che vuole vedere ne aumenta sensibilmente il tasso di coinvolgimento (engagement rate): realizzare filmati da destinare, ad esempio, a Facebook, YouTube e Instagram, costituisce una valida alternativa (ovviamente molto più economica rispetto alla pubblicità in TV!) per raccontare la tua attività.

Va detto che anche per i video ci sono “qualità” e qualità, appoggiarsi ad un videomaker professionista significa realizzare un prodotto molto diverso da un video amatoriale.
Ma sfruttare il canale visual per raccontare (al meglio delle tue possibilità) cosa proponi al tuo pubblico è sempre un ottimo modo per fare marketing storytelling!

Possiamo definirlo, in questa particolare declinazione, visual-storytelling, ed ha numerosi vantaggi:

  • ampia diffusione, riesce a raggiungere molto pubblico
  • buona declinazione su diversi canali (sito web e social media aziendali)
  • costi contenuti, alla portata di tutti

Il principale valore aggiunto di raccontare attraverso i video è comunicare al tuo pubblico in modo davvero empatico e personale quello che proponi: stimolare la curiosità sui social media è la spinta principale per offrire valore aggiunto a chi si avvicina al tuo brand.

Oggi sui social ci sono davvero tutti e il pubblico da raggiungere con una strategia di visual-storytelling è ampio e variegato. Scegli il tuo e costruisci la storia che vuole sentirsi raccontare!

 

Lo storytelling degli altri… per gli altri!

Un ultimo spunto: e se pensassi di affidare lo storytelling alle persone? Ottima idea!

Non parliamo di influencer o costosi testimonial (anche se ormai tutti beviamo Nespresso con Clooney!) ma di clienti fidelizzati, contenti del nostro operato e disposti a “farci pubblicità”.
Per raccontare cosa fai e come lo fai, un parere di un tuo cliente fa la differenza: avvicina nuovi potenziali utenti attraverso il suo racconto personale e ti permette di creare quel ponte di immedesimazione e credibilità necessario a “scaldare” il tuo target (si parla infatti di pubblico freddo, tiepido o caldo a seconda della sua propensione all’acquisto).

Sappiamo bene quanto peso abbia una recensione (sia per il nostro pubblico target sia per i motori di ricerca) e quindi sfruttare il passaparola, anche attraverso il web, è una buona idea per fare storytelling. Ecco svelato il motivo per cui sia i social media sia Google, hanno inserito spazi dedicati ai pareri degli utenti: se gli altri dicono che sei bravo è più probabile che tu lo sia davvero!

La tua storia insomma, se veicolata da un tuo cliente attraverso la sua diretta esperienza, non solo guadagna credibilità e valore agli occhi di nuovi utenti, ma migliora anche il posizionamento dei tuoi canali digitali!

Questa tipologia di storytelling fa leva sull’autenticità di esperienze d’acquisto reali, la strada migliore è chiedere recensioni ai tuoi clienti e lavorare sulla brand awareness attraverso i loro racconti. NO ALLE BUFALE: è sconsigliato pagare per finte recensioni!
Scalare “le stelline” non ti porterà lontano, lavora sulla verità.

 

Tutto chiaro?!

Speriamo di sì, lo storytelling è troppo spesso sottovalutato. Forse perché, come ci dicono i nostri clienti, “raccontarsi da soli non è mica facile!” e lo sappiamo…

Hai dubbi su come raccontare cosa fai? Noi ci siamo!
Vieni a trovarci o scrivici, possiamo aiutarti a costruire uno storytelling perfetto per la tua strategia di marketing.

Lavorando in sinergia con te potremo strutturare la TUA storia, lieto fine garantito!

Contattaci per avere maggiori informazioni