04Feb
I videogiochi spopolano tra le app mobile: tutti i dati

I videogiochi spopolano tra le app mobile: tutti i dati

La stragrande maggioranza del denaro speso negli app store mobili è andato ai giochi, così come la maggior parte del tempo speso per i telefoni e la maggior parte delle entrate pubblicitarie. Nel 2019, più di 86 miliardi di dollari sono stati spesi per i giochi su app mobile, rendendo il settore più ampio rispetto al resto dell’industria dei giochi messi insieme. Tali entrate rappresentavano il 72% di tutte le spese dell’App Store, secondo i dati della società di analisi AppAnnie, nel suo rapporto sullo stato di Mobile 2020.

Gli abbonamenti in-app che fanno la differenza

Su iOS, gli abbonamenti in-app contribuiscono per il 97% alla spesa non di gioco all’interno delle app (una tantum negli acquisti di app, in genere “sblocchi” per versioni complete o download di contenuti, costituiti per l’altro 3%), mentre gli abbonamenti non di gioco nel complesso è cresciuto fino a rappresentare il 28% della spesa per app store. Tale crescita è trainata in gran parte da alcune app basate su abbonamento e di grande successo. Tra queste ci sono Netflix, il cinese Tencent Video e Tinder, che è stata l’app mobile con il più alto incasso nel mondo lo scorso anno e la seconda più alta nell’ultimo decennio. Delle 250 migliori app per spesa, il 94% viene monetizzato tramite abbonamenti in-app.

Non tutti gli aspetti dell’economia mobile sono coperti dal rapporto. La spesa tramite app di e-commerce, che non viene addebitata tramite acquisti in-app, non può essere conteggiata; né gli abbonamenti, come quelli per la maggior parte delle principali app di notizie e Spotify, acquistati tramite browser Web anziché tramite gli strumenti di abbonamento forniti da Apple e Google. Gli sviluppatori hanno buone ragioni per cercare modi alternativi per ottenere entrate. Sia Apple che Google applicano commissioni sostanziali per i pagamenti in-app, raggiungendo un picco del 30% per l’App Store di iOS.

Le opportunità e il grande successo di TikTok

Il rapporto evidenzia una serie di altre aree di opportunità per il prossimo anno. Tra queste ci sono app di condivisione dei viaggi, in cui il Regno Unito ha il mercato più concentrato tra quelli analizzati, con Uber che occupa la stragrande maggioranza delle attività. Da non dimenticare le app finanziarie che hanno fornito set di funzionalità a servizio singolo, dai pagamenti alla sicurezza. La crescita di TikTok non mostra alcun segno di arresto, con il tempo globale trascorso nell’app che è triplicato nel corso del 2019.

Ma è stata un’app anonima Q&A poco conosciuta chiamata Yolo che ha registrato la più alta crescita sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti rispetto all’anno scorso. In tutti i mercati analizzati, le persone trascorrono ogni giorno tre ore e 40 minuti sui loro telefoni, un aumento del 35% rispetto al 2016, mentre lo “Zoomer” medio – un membro della Generazione Z, nato tra il 1997 e il 2012 – trascorre quasi quattro ore al mese su ciascuna delle 25 migliori app non di gioco e molto altro ancora nei giochi per dispositivi mobili.

Contattaci per avere maggiori informazioni